Sito dell'A.N.P.I. di LISSONE - Sezione "Emilio Diligenti"

In ricordo di Giovanna Erba

17 Novembre 2014 , Rédigé par anpi-lissone

Giovanna Erba ci ha lasciati. Da quando l'abbiamo conosciuta, in lei abbiamo ammirato la forza d'animo nelle difficili prove che ha dovuto superare nel corso della sua vita.

Giovanna Erba era la sorella di Pierino, partigiano delle Sap, fucilato il 16 giugno del 1944 in piazza Libertà con Carlo Parravicini quale presunto autore di un attentato a militi repubblichini operato pochi giorni prima in via Milano (ora via Matteotti). Il giorno seguente a Monza presso la Villa Reale, perderanno la vita, sempre per una fucilazione, gli altri due giovani facenti parte il comando: Remo Chiusi e Mario Somaschini.

Giovanna Erba ci aveva raccontato: «Non mi ero ancora ripresa dalla perdita di mio fratello Pierino, quando la sera del 23 novembre, preoccupata per il ritardo di mio marito dal lavoro, mi son vista arrivare in casa un suo collega. Mi portava la notizia che, nello stesso giorno, c'era stato un rastrellamento alla Pirelli e 160 operai, tra i quali mio marito Umberto, erano stati prelevati dal lavoro per essere deportati in Germania. ... Vivevo in un clima di terrore continuo e non so ancora come ho fatto a trovare la forza per reagire. Forse è stata la mia fede in Dio, forse la vita stessa delle mie bambine – una di 2 anni e l'altra, piccolina, di due mesi - o forse anche l'aiuto morale e materiale della Ditta Pirelli e del Comitato di Liberazione. Sicuramente mi ha sostenuto l'amore dei miei familiari. Sta di fatto che ci sono riuscita e ho superato quei momenti: certo che i cinque giorni nei quali mio marito, coi suoi compagni di lavoro, è stato rinchiuso nel carcere di San Vittore, col pericolo di essere vittima di una rappresaglia sono stati tremendi. Così come sono stati tremendi i momenti della partenza dallo scalo Farini per la Germania: centinaia di familiari ammassati in attesa dei pullman provenienti dalle carceri, un clima di tensione esasperata che avrebbe potuto degenerare, i soldati tedeschi che ci respingevano lontano. Questi giorni sono stati per me un incubo e li ho ancora chiari nella mente e nel cuore».

A lei avevamo consegnato nel 2007 la tessera onoraria dell'ANPI.

Riportiamo la lettera che Giovanna Erba ci aveva scritto:

Lissone, 25 aprile 2007

Signor Presidente dell’ANPI,

ho ricevuto la tessera ad honorem dell’associazione e di questo gliene rendo grazie. Mi ha commosso profondamente leggere la motivazione. Quel sedici giugno è impresso nel mio cuore e lo porterò con me fino alla tomba.

Come certo saprete, ero in piazza con mia sorella quando è avvenuta la fucilazione, solo che ero rinchiusa nella torre con mio marito perché, alla vista di come erano ridotti i due condannati, sono caduta a terra semisvenuta.

Ed è così che dopo quarant’anni, quando è stato eretto il monumento per metterci le spoglie di tutti i caduti della guerra, da qualsiasi parte avessero combattuto, io non sono stata capace di accettare il fatto che le ossa di mio fratello riposassero nella stessa fossa di chi aveva combattuto dall’altra parte. Sono state riposte in un ossario. Questo è ciò che riguarda mio fratello. Se a ciò si aggiunge il fatto che il 23 novembre dello stesso anno mio marito, che lavorava alla Pirelli, è stato prelevato con altre 160 persone dai nazisti, e portato in Germania ed è ritornato finita la guerra il 10 giugno 1945, la tessera che ho ricevuto ha per me un valore profondo perché lo spirito dell’associazione è un no assoluto al ripetersi di queste tragedie. Grazie

Giovanna Erba

Partager cet article

Repost 0
Pour être informé des derniers articles, inscrivez vous :