Sito dell'A.N.P.I. di LISSONE - Sezione "Emilio Diligenti"

I Comitati di Liberazione Nazionale

3 Juillet 2014 , Rédigé par anpi-lissone Publié dans #Resistenza italiana

In continuità con i Comitati di coordinamento dei partiti antifascisti - sorti con diverse denominazioni nelle città italiane dopo il 25 luglio 1943 con lo scopo di chiedere al governo Badoglio un ritorno alle libertà democratiche, la liberazione dei detenuti politici e la conclusione della guerra - il 9 settembre fu costituito a Roma il Comitato di Liberazione Nazionale (CLN), che lanciò un comunicato "per chiamare gl'italiani alla lotta e alla resistenza e per riconquistare all'Italia il posto che le compete nel consesso delle libere nazioni". Sei erano i partiti che componevano il CLN: i comunisti, i socialisti, gli azionisti, i democristiani, i liberali, i demolaburisti. A presiederlo fu Ivanoe Bonomi, anziano esponente socialriformista, rappresentante della Democrazia del lavoro.

portasanpaolo.jpgDalle prime ore del 9 settembre, combattimenti erano in corso nei dintorni di Roma, poi in città: la divisione "Granatieri" a sud e le divisioni "Ariete" e "Piave" a nord stavano opponendo resistenza all'avanzata delle truppe germaniche, rallentando la e in alcuni casi fermandola. La fuga all'alba del re, del governo e dello Stato Maggiore dell'esercito minò lo sforzo messo in atto dai soldati e dai numerosi cittadini che spontaneamente li affiancarono: gli scontri più accesi, con decine di morti, furono alla Cecchignola, all'Eur, alla Magliana, a Porta San Paolo, fino alla capitolazione delle truppe firmata nel pomeriggio del 10 settembre.

L’importanza dell'appello diramato a poche ore dall'armistizio è nella tempestività con cui è stato fatto, nella rappresentatività dei soggetti in campo e soprattutto nell'aver interpretato un sentire comune di grandi masse di popolazione che, senza avere conoscenza della diramazione di quell'appello, avevano di fatto cominciato, subito e spontaneamente, ad assumere scelte e a compiere gesti di resistenza: per l'amarezza di assistere allo sfacelo dell'esercito e all'eclisse delle autorità istituzionali, per l'indignazione e il furore suscitato dalle prime mosse dell'occupante nazista, per un senso di umanità verso i tanti fuggiaschi. Fu questa la premessa che permise ai CLN di affermarsi come la guida politica della Resistenza, come soggetti che da istituzione di fatto erano stati riconosciuti istituzione di diritto.

All'interno del CLN vi fu una dialettica fatta di contrasti aspri su questioni di fondamentale importanza, quali la strategia di lotta contro i nazifascisti, la questione istituzionale, le scelte di politica economico-sociale, il rapporto con gli Alleati e la collocazione internazionale.

I CLN avevano adottato come regola che le deliberazioni venissero adottate all'unanimità, anche se ciò costituiva un freno alla loro attività e ritardava la tempestività dei provvedimenti.

È grazie all'unità di tutte le forze protagoniste della Resistenza, progressiste e moderate, che nel dopoguerra si poté avviare quel processo di elaborazione del patto fondativo della Repubblica concluso con il varo della Costituzione: un testo che ha posto i più alti valori umani - pace, libertà, giustizia, uguaglianza, solidarietà - come orizzonte della comune convivenza.

Nelle differenti realtà locali i CLN sorsero in tempi diversi e vissero con modalità differenti: tuttavia sempre la loro efficacia nell'incidere nella situazione dipese, oltre che dalla perizia nel muoversi nella clandestinità, dalla loro capacità di diventare soggetto propulsore e punto di riferimento effettivo della mobilitazione popolare. I loro compiti – come ha scritto Leo Valiani che durante la Resistenza aveva rivestito il ruolo di segretario del Partito d'Azione:

 

- Sostenere moralmente la Resistenza, con la pubblicazione di stampa illegale, col rifiuto di ogni pacificazione coi fascisti e coi tedeschi, col rifiuto di pagare le imposte, col rifiuto del giuramento al governo di Salò da parte di funzionari, magistrati, professori (e sovente con l'abbandono del servizio stesso) e sostenerla materialmente, rifornendone i combattenti con denaro, carte false e, quando riuscirono a procurare aviolanci da parte alleata, anche con armi; spingendo i giovani a disobbedire ai bandi di leva di Salò e aiutandoli a prendere la via dei monti; invitando le masse lavoratrici a scioperi parziali e generali e chiunque potesse farlo al sabotaggio delle installazioni e comunicazioni naziste; galvanizzare la guerra partigiana, con la conferma della sua utilità e la certezza della sua legittimità e della sua vittoria finale; coordinare e unificare le formazioni partigiane, indicare loro la strategia da seguire e le grandi mete da raggiungere; guidarle infine, assieme alle masse lavoratrici, all'insurrezione nazionale unitaria. [...]

- Sostenere il movimento di Resistenza all'eliminazione radicale non solo dell'occupazione tedesca, ma altresì del fascismo, di tutto il fascismo, di quello di Salò e il precedente, e perciò alla conquista del diritto del popolo italiano a giudicare anche la monarchia, che del fascismo era stata corresponsabile. [...]

- Far ritrovare all'Italia, nonostante la sconfitta in guerra, la possibilità psicologica e politica e il diritto morale di parlare a testa alta.

Importante fu lo sviluppo, in tempi diversi, di un vero e proprio movimento dei CLN periferici: provinciali, comunali, di quartiere, di fabbrica, di scuola, di professioni. Emilio Sereni, comunista, presidente del CLN della Lombardia, nell'agosto 1945 scrisse in proposito:

 

«Articolandosi in una fitta rete di CLN di base, che ben più da vicino aderisce alla realtà locale, il CLN diviene qualcosa che è ben più di un organismo interpartito: divien una effettiva rappresentanza di tutto il popolo, della sua volontà democratica e unitaria. A quest'opera di sviluppo capillare dei CLN, che ha posto le premesse della efficacia e della vittoria del movimento di liberazione, i CL Provinciali hanno dato un contributo essenziale. [...] Nei Comitati di Liberazione di base, che vennero sorgendo sempre più numerosi secondo le direttive del CLNAI, e con l'intervento efficace dei CLN Regionali e Provinciali, la composizione risultò sovente meno schematica e più aderente alle situazioni locali, di quel che non avvenisse nei Comitati di liberazione superiori, che conservavano necessariamente il carattere di organismi interpartiti».

 

Bibliografia:

Ercole Ongaro, Resistenza nonviolenta 1943-1945, I Libri di Emil Editore, 2013

Partager cet article

Repost 0